Vacanze sicure - Polizia Municipale di Vittoria

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vacanze e viaggi sono diventati ormai sinonimi visto una vacanza -anche breve- inizia quando lasciamo la nostra abituale residenza e non solo quando abbiamo raggiunto la nostra destinazione.
I viaggi verso le mete del nostro relax possono però nascondere pericoli e insidie.
Ogni estate sono migliaia le persone che rimangono coinvolte in incidenti stradali, anche gravi, sulle strade delle vacanze.
 
Con poca attenzione possiamo migliorare in modo decisivo la sicurezza dei nostri spostamenti:

PRIMA di partire:

  • fai controllare la tua auto in officina. Luci, livello dei liquidi, pressione pneumatici, eccetera... Avere un mezzo efficiente è il modo migliore di prevenire i guai. Con luci di stop non funzionanti potremmo, ad esempio, venire tamponati; gomme usurate reagiscono diversamente sull'asfalto e potrebbero bucarsi, obbligandoci a svuotare completamente il bagagliaio per la sostituzione con la ruota di scorta; poco olio motore o scarso liquido di raffreddamento potrebbero lasciarci in panne in autostrada. All'apparenza piccoli inconvenienti, in grado però di far prendere una "brutta piega" al nostro viaggio. E perciò alla nostra vacanza;
  • ricorda il tuo kit di sicurezza: il giubbetto rifrangente, una torcia elettrica, un paio di guanti, un piccolo kit di pronto soccorso (sempre utile). E il triangolo, obbligatorio su tutti gli autoveicoli, da tenere a portata di mano e non sul fondo del bagagliaio, irraggiungibile e sommerso da borse e valige. Verifica inoltre le regole obbligatorie nel Paese nel quale ti stai dirigendo, perchè anche a livello europeo le dotazioni obbligatorie possono essere differenti;
  • verifica che il tuo equipaggiamento sia completo in base alla destinazione: in alcuni Paesi europei è obbligatorio il giubbotto fluorescente -come in Italia- e la farmacia da viaggio sono obbligatori. Cerca tutte le informazioni sulle norme vigenti negli Stati stranieri, consulta internet o la tua agenzia viaggi.
  • stabilisci con precisione l'itinerario e calcola il tempo di viaggio necessario. Questo permette di prevedere le soste o di portare in auto qualche bevanda (non alcolica!!) rinfrescante per alleggerire la guida;
  • Verifica le condizioni stradali, viabilistiche e quelle meteo il giorno prima di partire. Saprai così cosa aspettarti e affrontare adeguatamente rallentamenti, code, lavori, temperature...
  • distribuisci equamente i carichi e posiziona correttamente i bagagli: borse e valigie non devono muoversi perchè una frenata improvvisa o una sterzata energica potrebbero far spostare il carico -perciò i pesi!!- e far variare assetto e reazioni del veicolo. Maggiore peso significa inoltre spazi di frenata più lunghi. Anche i bagagli caricati sul tetto devono essere saldamente assicurati e ben legati.
Metti i bagagli pesanti sul fondo del baule e evita di appoggiare oggetti sulla cappelliera: potrebbero muoversi e colpire le persone in caso di una brusca frenata;
  • parti solo ben riposato, magari dopo aver dormito 6-8 ore: soprattutto se il viaggio è piuttosto lungo, una giornata di lavoro e una partenza in tarda serata aumenta il rischio di incidenti. Colpi di sonno e reazioni non adeguate o calibrate sono sempre in agguato. Evita pasti pesanti e bevande alcoliche prima della partenza: la digestione provoca sonnolenza.

DURANTE il viaggio:

  • ricorda che il lavoro è finito e che stai viaggiando su altri itinerari, con altre persone ed altre preoccupazioni: non è raro che l'abitudine di viaggiare da soli durante i molti medi di lavoro crei qualche brutto automatismo, difficile da abbandonare e talvolta dalle conseguenze molto pericolose. Ogni anno la cronaca racconta di mogli dimenticate in autogrill o bambini lasciati in auto da soli. piccole distrazioni che possono trasformarsi in tragedie perchè non ci si è "ancora mentalmente abituati" al nuovo contesto;
  • fai in modo che tutti i passeggeri abbiano le cinture di sicurezza allacciate e che i bambini utilizzino il seggiolino, della loro categoria di peso. Il sedile è infatti il posto più morbido dell'auto, un luogo dal quale è meglio non staccarsi mai;
  • limita l'utilizzo dei medicinali e informati sugli effetti collaterali: alcuni riducono la concentrazione e altri provocano sonnolenza, compromettendo l'attenzione e le capacità di guida;
  • tenere presente che dopo due ore di guida si presentano i primi segni della stanchezza; alcuni studi dimostrano infatti che i tempi di reazione raddoppiano. Per questo motivo una piccola pausa all'aria fresca, anche di soli 10 minuti, o due passi per sgranchirsi le gambe e riattivare la circolazione possono aumentare la sicurezza del viaggio;
  • evita distrazioni inutili e pericolose, come leggere o scrivere messaggini, telefonare (sia con il cellulare, sia con il vivavoce), armeggiare con il navigatore. Se devi telefonare chiedi a un passeggero di effettuare la chiamata o fermati in un punto sicuro; sarà un ottimo modo per fare una piccola pausa e sgranchirti le gambe.
  • mangia regolarmente qualcosa di leggero e piuttosto salato. Bevi abbastanza, ma evita l'alcol. Non è (solo...) una questione di etilometro e valori consentiti dalle diverse normative europee, ma soprattutto di conseguenze fisiologiche e reazioni alla guida. La vita della persone che sono con te dipende dalla tua capacità di prevedere e reagire a imprevisti e situazioni.

TRASFORMA IL TUO VIAGGIO
IN UNA PARTE PIACEVOLE DELLA TUA VACANZA.
NON RISCHIARE!!

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu