Ricorso al Prefetto - Polizia Municipale di Vittoria

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come fare per
Prefetto
Procedure per ricorsi al Prefetto

Vorrei presentare ricorso: quanto tempo ho?
Si può presentare ricorso al Prefetto entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale, effettuata ai sensi art. 201 C.d.S. Con il termine contestazione s’intende la notifica immediata ovvero il trasgressore è stato fermato dall’agente P.M. su strada, è stato identificato ed è stato redatto immediatamente il verbale.
Se il verbale d’accertamento (c.d preavviso) è rinvenuto sul parabrezza del veicolo non si è ancora in presenza di atto perfezionato ed occorre attendere la notificazione nei confronti del proprietario che, per le violazioni sino al 12 agosto 2010, deve avvenire entro 150 giorni dalla data di accertamento, mentre per quelle dal 13 agosto 2010 deve avvenire entro 90 giorni dalla data di accertamento così come modificato dalla legge 120/2010(art. 201 C.d.S.).
In alternativa, il proprietario che intende presentare ricorso immediatamente può presentarsi presso uno degli sportelli preposti dove, contestualmente alla presentazione del ricorso, sarà anche notificato l’atto.

Per fare ricorso occorre un modulo specifico?
Lo scritto difensivo può essere redatto in carta semplice e deve essere indirizzato al Prefetto (es. Al Prefetto della Città di Ragusa c/o Comando Polizia Municipale Vittoria ) . ( art. 203 C.d.S. ). Allo scritto si può allegare tutta la documentazione che il ricorrente ritenga utile per supportare le sue motivazioni (per es. copie permessi, copie certificati medici, dichiarazioni datore lavoro, copie documenti veicolo, ecc.). Ricordare sempre che si deve sottoscrivere il ricorso. Occorre indicare chiaramente il numero e la data del verbale che s’intende impugnare. Se si ritiene necessario si può richiedere audizione personale al Prefetto.


Come faccio a presentare il ricorso?
tramite raccomandata a.r. indirizzata al Comando di Polizia Municipale di Vittoria - via S. Incardona n°101 97019 Vittoria
tramite raccomandata a.r. indirizzata alla Prefettura Di Ragusa Ufficio Territoriale del Governo Via M. Rapisardi n°1 –97100 Ragusa;
direttamente al Comando Polizia Municipale orario 9,00/13,00

Quanto tempo ci vuole per avere una risposta dal Prefetto?
Se il ricorso viene inviato direttamente in Prefettura, la Prefettura dovrà trasmetterlo al Comando verbalizzante entro 30 giorni, dal ricevimento del ricorso il Comando di Polizia Municipale ha 60 giorni di tempo per istruire il fascicolo e trasmetterlo in Prefettura.
La Prefettura ha a disposizione 120 giorni per emettere provvedimento d’ingiunzione di pagamento o d’archiviazione del verbale.
Riepilogando
Se l’utente trasmette il ricorso direttamente in Prefettura, l’ordinanza di ingiunzione dovrà essere adottata entro 210 giorni.
Se, invece, il ricorso è inviato o presentato presso il Comando di Polizia Municipale, l’ordinanza di ingiunzione dovrà essere adottata entro 180 giorni.


Prefetto
Il provvedimento di rigetto del ricorso e di ingiunzione di pagamento deve essere notificato entro 150 giorni dalla sua data di emissione.
Attenzione: se si era richiesta audizione personale i termini sopra indicati subiscono un’interruzione che va dal momento della notifica convocazione a quello dell’avvenuta audizione.
La gestione dei ricorsi al Prefetto viene effettuata telematicamente, attraverso il sistema SAN.A., che consente un’interazione via Internet fra i ricorrenti, gli organi accertatori e gli uffici giudiziari, nell’assoluto rispetto delle norme sulla riservatezza dei dati personali, attraverso l’autenticazione rigorosa dei soggetti che si connettono.
Nello specifico ogni utente interessato che abbia presentato ricorso, collegandosi sul sito http://sana.interno.it e seguendo la procedura di autenticazione proposta, potrà avere in tempo reale notizie sullo stato del procedimento che lo riguarda e sul suo esito, oltre che accedere agli atti ed estrarne copia, quando previsto dalla legge.

Se il Prefetto non accoglie il mio ricorso quanto dovrò pagare?
In caso di mancato accoglimento del ricorso il Prefetto ingiunge il pagamento della sanzione in misura doppia rispetto a quella indicata a verbale (c.d. minimo edittale). Le modalità di pagamento sono indicate sul provvedimento del Prefetto. In caso di mancato pagamento sarà avviata la procedura coattiva prevista dalla legge.

E se non sono d’accordo con quanto stabilito dal Prefetto?
Il provvedimento del Prefetto si può impugnare: entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento stesso, si può presentare opposizione direttamente alla Cancelleria del Giudice di Pace sita in Via del Quarto Vittoria o tramite raccomandata a.r.

In quali circostanze può essere richiesta l’archiviazione del verbale in autotutela?
L’istituto dell’autotutela, si applica in caso di:

  • Doppia verbalizzazione
  • Furto
  • Notifica al vecchio proprietario, a seguito di passaggio di proprietà
  • Errata rilevazione targa
  • Decesso

L’istanza di archiviazione in autotutela, deve essere presentata ed inoltrata con le stesse modalità previste per la presentazione/inoltro del ricorso, in precedenza. Detta istanza è da intendersi accolta trascorsi 360 gg dalla data della sua presentazione.
Qualora non sussistano motivazioni di autotutela, si procederà al rigetto dell’istanza, invitando il ricorrente, qualora lo ritenesse opportuno, a ripresentare il ricorso nelle forme previste dalla legge (Prefetto o Giudice di Pace).
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu